Vai ai contenuti

Menu principale:

Film 2001-2010

Filmografia

Elenco dei film che hanno collegamenti o riferimenti al periodo
napoleonico e le sue vicende storiche.

2001 - I vestiti nuovi dell'Imperatore
di Alan Taylor (Germania, Italia, Gran Bretagna)

***

Sant'Elena, 1821. Napoleone non vede l'ora di abbandonare l'esilio forzato che lo costringe all'inattività. Grazie all'individuazione di un suo sosia si decide per un'accurata messinscena basata sullo scambio di identità. Ma le cose non vanno come sperato: l'imperatore arriverà a Parigi, ma in modo del tutto anonimo e solitario. Avrà così inizio una sua relazione con una venditrice di meloni, sempre nell'attesa del giorno della riscossa. Che, a causa di un evento accaduto a Sant'Elena, sembra destinato a non giungere mai. Più che Napoleone è la vita quotidiana dell'epoca ad essere la protagonista della divertente pellicola. Taylor, però, sembra più a suo agio con l'età contemporanea e, a causa forse dell'autorevolezza del grande Ian Holm, è quasi timoroso nei confronti della materia che ha a disposizione. Questo non diminuisce i pregi di un film piacevole e ben confezionato, ma riduce di fatto le potenzialità di una sceneggiatura che altri, ad esempio un Terry Gilliam, avrebbero sviluppato con maggiore coraggio visivo.

2002 - Napoléon
di Yves Simoneau con Christian Clavier (Francia, Germania, Italia, Canada, Usa) - produzione televisiva in quattro puntate dal ciclo di Max Gallo con Isabella Rossellini, Gérard Depardieu e John Malkovich.

***

La fiction ripercorre in quattro puntate l'intera vita di Napoleone, unendo l’aspetto epico delle grandi battaglie alla vita privata del giovane generale corso.

Napoleone è un uomo solo, che sentì tanto profondamente il peso e il senso della storia da sacrificare l'amore per Joséphine che non poteva dargli un erede su cui fondare una nuova dinastia.
Sarà proprio il loro tormentato rapporto uno dei punti cruciali del film, insieme alla passione per la giovane contessa polacca Maria Walewska e il matrimonio "politico" con l’arciduchessa austriaca Maria Luisa d'Asburgo-Lorena.
Ampi spezzoni tratti dallo sceneggiato sono inclusi nello speciale di Superquark di Piero Angela "Napoleone. Seguendo la grande armata".
Le riprese sono state effettuate in Marocco, Austria, Repubblica Ceca, Francia, Canada, Ungheria e sull'isola di Sant'Elena.


The Emperor's New Clothes
(2002 VHS - DVD, ; Regia di Alan Taylor). Cast: Ian Holm, Iben Hjejle. Ian Holm interpreta Napoleone, Tom Watson è Gerard, Hugh Bonneville fa Montholon, Murray Melvin è Antommarchi. Napoleone a Sant’Elena complotta un rientro a Parigi scambiando il suo posto con il sosia Eugene Lenormand, che rimarrà all’isola. 107 min.

2003 - Monsieur N.
di Antoine de Caunes con Philippe Torreton (Francia)

***

Napoleone, durante l'esilio a Sant'Elena, ripensa a se stesso e combatte una delle battaglie piú dure, quella per la propria sopravvivenza. Sulla sua figura e sui suoi ultimi giorni rimangono tutt'ora una serie di interrogativi irrisolti. Perché il corpo dell'amico di Napoleone, che divideva con lui l'esilio a Sant'Elena, non fu mai trovato? Quale fu la vera fine di Napoleone? Fu assassinato? Riuscì a scappare?

2004 - 1802, L'épopée guadeloupéenne (Christian Lara)

1802. Napoleone Bonaparte organizza la sua conquista del potere e nello stesso tempo manda le sue truppe a ristabilire l’ordine a Santo Domingo e in Guadeloupe. Fina dalle prime fais il colonnello mulatto Louis Delgrès comprende che questa spedizione è inviata per imporre la “nouvelle politique” con la forza e il ritorno alla schiavitù par. Non esita allora a prendere le armi contro la Francia per difendere la sua razza, fomentando una rivolta popolare.

2005 - 1805
di Jen Belletti con Alain Belletti , Franck Gaillard e Delphine Gayraud (Francia)

***

E’ una stupenda rievocazione storica della vita del soldato all’inizio dell’Impero. Un grenadier in congedo, saputo che il fratello Etienne si è arruolato, decide di riprendere le armi per cercarlo. In quanto veterano è ammesso ai ranghi degli Chasseurs-Guides della Guardia, partendo con ilo reparto dal camp de Boulogne sino a percorrere tutta la Germania e di lì sino ad Austerlitz. Una ricostruzione storica molto precisa e dettagliata, ma la storia non ha anima, né suspence e scorre un po’ noiosa.

N. Io e Napoleone
(2006 Italia DVD; regia di Paolo Virzì). Cast: Daniel Auteuil, Elio Germano, Monica Bellucci, Francesca Inaudi, Andrea Buscemi, Massimo Ceccherini, Sabrina Impacciatore, Valerio Mastandrea. 1814, isola d'Elba. Napoleone arriva nell'isola per trascorrere il suo esilio e la popolazione, per la verità un pò "provinciale", subito lo mette sopra un piedistallo, trattandolo come in dio. Una volta sistematosi, l'imperatore assume come segretario Martino Acquabona, un aspirante letterato, ignaro del fatto però che costui sia un giacobino che lo vorrebbe vedere morto e che sia anche l'amante della contessa Emilia Speziani, sposata con un aristocratico Borbone. 1000 min.

2006 - N (io e Napoleone)
di Paolo Virzi con Daniel Auteuil (Italia) - Tratto dall'omonimo romanzo di Ernesto Ferrero (premio Strega 2000), è ambientato durante l'esilio di Napoleone all'Elba.

***

Nel 1814, un giovane idealista elbano sogna di uccidere Napoleone, imperatore decaduto a cui è stata riconosciuta la sovranità dell'isola d'Elba. Martino Papucci, maestro e scrittore libertario, vive a Ponteferraio con la sorella Diamantina e il fratello Ferrante. L'esilio di Napoleone, dimorato proprio a Portoferraio, gli offre finalmente una chance: affrontare il mito in carne e ossa.

Chiamato dal sindaco e investito dallo stesso Napoleone, Martino accetta di diventarne lo scrivano confidente con l'intento segreto di assassinarlo. Ma il tentativo di compiere il delitto fallisce con la fuga di Napoleone, che morirà sei anni dopo sull'isola di Sant'Elena. Tratto dal bel romanzo di Ernesto Ferrero e trattato dagli Scarpelli, da Francesco Bruni e dallo stesso Virzì, N è una commedia ottocentesca che affronta un tema soprattutto novecentesco: il fascino persuasivo del tiranno. N comincia con un sogno, quello di abbattere Napoleone e di liberare i popoli "arraffati" con l'esercito e con l'ambizione. Paolo Virzì cambia il cognome del protagonista, Acquabona sulla pagina Papucci sullo schermo, e gli toglie anni ed esperienza. Martino sullo schermo non è un coetaneo di Napoleone ma un antieroe colto nel pieno della sua esaltazione giovanile. Lo scontro tra il tiranno e il ragazzo è generazionale prima ancora che filosofico e politico. Martino è interpretato da Elio Germano, vivace e pugnace, a cui si contrappone il Napoleone annoiato e abdicato di Daniel Auteuil, che lascia filtrare tutta la paura di chi ha perduto impero e favore. Non funziona tutto nel film di Virzì, pure compreso tra un inizio e una fine impeccabili, sottolineati dalla musica "romantica" di Paolo Buonvino e Juan Bardem. Il punto di forza è senza dubbio lo sguardo inedito e per nulla riverente nei confronti del tiranno corso, il punto debole è tutta quella livornesità in costume, le situazioni comiche create ad hoc che non si integrano mai col racconto, ma che almeno hanno il merito di rivelare un originale Massimo Ceccherini. Affrancato dal toscanismo del compare Pieraccioni, Ceccherini presta il volto lirico e il corpo comico a Cosimo, un locandiere impacciato che corteggia la Diamantina di Sabrina Impacciatore con una lingua sorprendentemente garbata e schiva.

Torna ai contenuti | Torna al menu